Corsi Scrivere&Leggere

“Quaderno proibito” di Alba De Céspedes

Valeria è una donna della piccola borghesia romana, di quarantatre anni, sposata con Michele da più di vent’anni e madre di due giovani universitari: Mariella e Riccardo. Da quando i figli sono diventati grandi, lavora come impiegata in un ufficio. Prima era casalinga. Una domenica mattina esce presto da casa …

Corsi Scrivere&Leggere

Frammenti di vita recuperata (scrivere di sé)

Funzioniamo per frammenti, per pezzi di ricordi che memorizziamo: alcuni li recuperiamo più volte, alcuni sono presenti in modo ossessivo, alcuni appaiono a intermittenza. Ognuno ha un significato. Spesso ci limitiamo ad accoglierli e a lasciarli andare senza preoccuparci della domanda invisibile che celano. Non esiste un’autobiografia definitiva, poiché rielaboriamo …

Scrivere&Leggere Ti racconto

Scrivere per scrivere

Penso che nessuno si sognerebbe di dire di aver imparato ad andare in bicicletta, stando seduto sul divano. Per andare in bicicletta bisogna mettere in movimento il corpo: inforcare questo oggetto a due ruote, poggiare i piedi sopra i pedali, le mani sopra il manubrio e… pedalare. Non so quante …

Corsi Scrivere&Leggere

Autobiografia immaginaria

Intitolare un corso Autobiografia immaginaria potrebbe generare confusione: si scrive una autobiografia, ciò che mi è realmente accaduto, o si scrive una storia immaginata, ossia qualcosa che non ho mai vissuto? Infatti, quando pensiamo all’autobiografia, intendiamo il racconto della propria vita, presentando i fatti come si sono svolti, con un’opera …

Biblioterapia Corsi

Guardo il mondo con più tenerezza

Mi imbatto in un breve saggio di Grace Paley, L’importanza di non capire tutto, in cui si parla di scrittura e di vita. Grace Paley scrive: Una delle ragioni per cui gli scrittori sono interessati alla vita più di altri, che invece semplicemente continuano a vivere, è che lo scrittore …

Biblioterapia Corsi

L’inatteso

Siamo costantemente in attesa di qualcosa: il ritorno di una persona cara, una risposta, una telefonata, l’incontro che cambia la vita. L’attesa potrebbe essere considerata una modalità congenita umana di vivere il quotidiano. Che cosa ci capita quando non solo l’attesa non viene soddisfatta, ma ci piomba l’inatteso, ciò che …

Ti racconto

Preferirei di no

Ogni volta che leggo il racconto di Herman Melville, Bartleby: Lo scrivano, provo la stessa sensazione: libertà. Non sono sicura che questo fosse l’intento di Melville, e poco mi importa. Molto più interessante seguire le mosse di Bartleby e le reazioni del suo capo, che rimane interdetto, infastidito, insolentito, insomma, …

Biblioterapia Corsi

Quando mancano le parole

Non avere le parole per dire è come non avere l’uso delle gambe o delle braccia. Il paragone è forte lo so, molti di voi potrebbero obiettare che non è la stessa cosa. In effetti non è la stessa cosa, ma gli effetti possono essere invalidanti. Quando non abbiamo le …

Scrivere&Leggere

Lettura creativa

Ammetto di non aver mai sentito parlare di Lettura creativa, già mi pare ardito parlare di Scrittura creativa. Però ne parla Maurizio De Giovanni, sul numero de la Lettura del Corriere della sera (#450 ● 12 luglio 2020), ricordando Andrea Camilleri ad un anno dalla morte. Vediamo cosa diceva Camilleri …

Corsi

Ho attraversato un tornado

È quello che stiamo facendo ancora, quando ci incontriamo, ci raccontiamo come abbiamo vissuto in questi mesi, che cosa abbiamo o non abbiamo fatto, ci raccontiamo ansie, paure, conquiste, cambiamenti, scoperte, perdite. Non possiamo non farlo, siamo esseri che narrano, sempre. Come dice lo scrittore Bernard Malamud, le storie ci …